don Camillo e Peppone - la giornata
28 marzo 2001

 

Ritrovo al casello autostradale di Reggio Emilia e incolonnamento alla volta di Brescello, il paese nel reggiano teatro della saga di don Camillo e del sindaco Peppone, creata da Giovannino Guareschi.

La visita inizia con il caffè di rito al bar “don camillo” in piazza Matteotti, di fronte alla chiesa. Il bar è frequentato da pensionati che sembrano usciti da uno dei film qui girati negli anni cinquanta, con Fernandel e Gino Cervi protagonisti, e di cui le pareti sono piene di ricordi, fotografie e locandine.

Si passa poi al museo “don Camillo e Peppone” creato nel 1989 e gestito dalla Pro Loco di Brescello. Davanti all’ingresso è collocato il famoso carro armato, mentre l’interno è ricco di cimeli e preziosi ricordi dei film e dei racconti. Spiccano l’abito sacerdotale indossato da Fernandel-don Camillo, la moto di Gino Cervi-Peppone, le biciclette, la bottiglia di olio di ricino e la ricostruzione di alcune stanze.

Usciti dal museo si passeggia per il paese, con soste alla stazione ferroviaria, alla chiesa parrocchiale (dove è riprodotto il crocefisso con cui parla don Camillo), davanti e sotto la grande campana Gertrude, custodita sotto un porticato, la casa che nel film era di Peppone, intervallando la camminata con l’acquisto di lambrusco, nocino, tortellini e spongata.

Il pranzo alla trattoria La Golena (suggeritoci dalla Pro Loco), in una piccola frazione di Brescello, è ottimo ed allietato dalla simpatia della cuoca Zita a cui l’Associazione Cuochi della Provincia di Pavia farà poi avere i complimenti ufficiali.

Dopo pranzo una sosta lungo l’ansa del fiume Po, sempre protagonista nei film, è d’obbligo.

Si procede poi per la vicina Novellara, paese natale di Augusto Daolio, mitico cantante del complesso I Nomadi, prematuramente scomparso nell’ottobre del 1992, dove sostiamo commossi davanti alla originale e particolare tomba.

Infine il ritorno a casa.

don Camillo
e Peppone
la giornata i partecipanti
e il ristorante
Augusto
Daolio
galleria fotografica link utili

freccia.gif (904 byte)

torna alla home