il Grande Torino

Quel 4 maggio 1949 il Grande Torino tornava da Lisbona, dopo aver giocato una partita amichevole con il Benfica, e un tragico destino spense la pi¨ grande squadra che l'Italia calcistica abbia mai conosciuto. 
Valerio Bacigalupo, Aldo Ballarin, Virgilio Maroso, Giuseppe Grezar, Mario Rigamonti, Eusebio Castigliano, Romeo Menti, Ezio Loik, Guglielmo Gabetto, Valentino Mazzola, Franco Ossola.

Uno schianto nella nebbia sulla collina di Superga e tutto Ŕ finito. E' rimasto per˛ intatto negli anni il mito ineguagliabile di una squadra fantastica, capace di vincere cinque scudetti consecutivi, ammirata e poi pianta dagli amanti del calcio di qualsiasi bandiera. 

Uno squadrone famoso in tutto il mondo, anche se all'epoca non esistevano competizioni internazionali, che, in quegli anni del dopoguerra, ha contribuito, insieme ad altri campioni come Fausto Coppi, Gino Bartali e Adolfo Consolini, alla grande voglia di riscatto di un'Italia uscita distrutta dalla guerra.

Il Grande Torino

la giornata

i partecipanti
e il ristorante

il ricordo

Lettera al Trombettiere

Gigi Meroni

galleria fotografica

link utili

freccia.gif (904 byte)

torna alla home   novitÓ