Alfredo Binda - curiosità

Binda e il riso
di Riccardo Degregorio
dal sito internet www.confrisotto.it/magazine.htm

Alfredo Binda (1902-1986) è stato uno dei più grandi campioni del ciclismo, accostabile a Fausto Coppi e a Eddy Merckx per qualità e quantità di vittorie.
Tre volte campione del mondo, ha conquistato più volte - tra gli anni Venti e gli anni Trenta del secolo scorso - tutte le grandi corse di un giorno (Milano-Sanremo, Giro di Lombardia, Giro del Piemonte, Giro di Toscana e molte altre) e cinque volte il Giro d’Italia.
Fu soprannominato il “trombettiere di Cittiglio” per il suo ruolo di trombettiere nella banda del paese di origine, Cittiglio, nel Varesotto, quando ancora non era campione epico di ciclismo e di sport.
Una carriera piena di storie, di avventure in cui, oltre al talento e all’allenamento, ha giocato un ruolo importante anche l’alimentazione in gara.
Famosa è la galoppata per dominare il Giro di Lombardia del 1926 dopo aver trangugiato ventotto uova e lasciando il secondo classificato a ventinove minuti.
Ma il “segreto” pare fosse un altro.
Sembra infatti che nel tascapane del grande campione, come carburante da utilizzare durante la corsa, ci fossero sempre alcune polpette di riso.
Vero o falso, è comunque una importante testimonianza dell’alto contenuto vitaminico e dell’alta digeribilità del riso: alimento nutriente e leggero.

Alfredo
Binda
la giornata i partecipanti
e il ristorante
galleria fotografica curiosità link utili

freccia.gif (904 byte)

torna alla home